Dobbiamo pensare che il freddo inverno sta passando e che la primavera è alle porte.

Questa la recente affermazione del premier cinese. Una chiara visione positiva del futuro, un’iniezione di fiducia che spinge a vedere oltre le difficoltà del momento. Visione che, a quanto documentano i sociologi, devono aver colto anche le prostitute che esercitano in Italia, dopo esser state travolte dal decreto Carfagna che ha introdotto il “reato di prostituzione in luogo pubblico”. Nonostante il rischio di estinzione, Le lucciole, con darwiniana forza d’animo, non hanno smesso di brillare ma hanno modificato i loro comportamenti. Ora sono vestite. Non più corpi nudi deambulanti in cerca di clienti carenti d’affetto, ma ragazze in jeans e scarpe da tennis, smarrite nella loro apparente innocenza, che hanno superato con ingegno la loro più grande depressione dal dopoguerra.